Il comune di Bellano: come si promuove un brand

Antonio Rusconi, Sindaco di Bellano (Lecco), ha ospitato nel borgo lariano l’evento di Castle Street Food, organizzato da Merenda Italiana.

Bellano ha recentemente ricevuto la Bandiera Arancione, titolo conferito dal TCI a località che non solo dispongono di bellezze e attrattive turistiche consistenti, ma che sanno anche ben promuoverle, offrendo al viaggiatore un’esperienza indimenticabile. Come è riuscito Bellano a realizzare tutte le potenzialità che il lago offre? Bellano è la terza Bandiera Arancione lariana: ci può raccontare dell’evoluzione che il borgo ha vissuto dal punto di vista della promozione e della comunicazione delle sue bellezze e peculiarità?

Innanzitutto vorrei ringraziare tutti i visitatori presenti, ma anche Merenda Italiana che ha scelto Bellano come location per questa edizione di Castle Street Food; un grazie naturalmente anche all’Associazione Italì: siete tanti soggetti diversi e tutti concorrete a realizzare al meglio questa manifestazione.

Da circa due anni siamo alla guida dell’Amministrazione Comunale e abbiamo iniziato un lavoro di forte promozione del territorio. Bellano è sempre stato un punto di riferimento importante del Lago di Como: in passato era chiamato “la Manchester del Lario” per la sua storia industriale e per la presenza del cotonificio Cantoni, il cui edificio è tuttora esistente. Negli anni è diventato un centro importante di servizi: è strategicamente collocato all’imbocco della Valsassina, è nel cuore del Lago e può contare sulla presenza stazione ferroviaria, linea Milano – Tirano, da Bellano, inoltre, passa la superstrada.

Dal punto di vista turistico, invece, aveva bisogno di una maggiore promozione: nel corso del 2017 abbiamo intrapreso il percorso per entrare a far parte del circuito delle Bandiere Arancioni del Touring Club Italiano. Siamo stati onorati di aver superato la selezione: siamo la terza Bandiera Arancione lariana, dopo Menaggio e Torno, e la prima della provincia di Lecco; ne siamo molto fieri. Ciò che ha colpito il Touring è sicuramente la bellezza del territorio, ma anche il brand che abbiamo voluto promuovere negli ultimi due anni: Bellano, paese degli Artisti. Basti pensare allo scrittore Andrea Vitali, che nel nostro borgo ambienta tutti i suoi romanzi; è come se fosse il nostro ambasciatore in Italia, grazie ai suoi libri che hanno venduto più di 4 milioni di copie e che hanno fatto conoscere Bellano ai suoi lettori. Il nostro territorio, inoltre, può contare sulla presenza di almeno 15 artisti di fama nazionale e internazionale.

Abbiamo l’Orrido, monumento nazionale che gode del vincolo paesaggistico-ambientale e la cui importanza è documentata anche dai numeri. In due anni di lavoro dedicato alla valorizzazione, portata avanti con il TCI, siamo riusciti ad essere presenti sui maggiori media nazionali, grazie al circuito delle Bandiere Arancioni. Gli ingressi, inoltre, sono quadruplicati: abbiamo recentemente toccato quota 70.000 visitatori in un anno, a fronte dei 18.000 ingressi di media degli ultimi vent’anni. Bellano sta vivendo un bel momento e stiamo osservando i frutti del nostro lavoro: quest’estate a Bellano è esploso il turismo!

Palio Remiero del Lario, Palio Remiero del Lario, Bellano in provincia di Lecco

Bellano può considerarsi un esempio virtuoso per altre località e borghi italiani che meritano di essere conosciuti: la comunità risponde bene agli stimoli che riceve, è al passo coi tempi in termini di implementazione e valorizzazione del turismo.

Per noi il turismo è associato a tre direttrici fondamentali: cultura, ambiente e gastronomia.

La cultura innanzi tutto: oltre ad Andrea Vitali e a tutti i nostri artisti documentati anche su Wikipedia, oltre all’Orrido, abbiamo altre valenze artistiche notevoli, come la chiesa romanica dedicata a San Nazaro e Celso e altre 14 chiese sparse nel territorio; nelle prossimità, inoltre, si trova il santuario di Lezzeno, meta di pellegrinaggi ed esempio importante di architettura barocca.

Il turismo a Bellano si associa anche con l’ambiente e con la sostenibilità: siamo ricchi di passeggiate naturalistiche, come il Sentiero del Viandante che parte da Abbadia e ad ora arriva fino a Morbegno, ma l’obbiettivo è di raggiungere Lecco. Almeno 70.000 persone hanno transitato sul sentiero, passando quindi anche per il nostro borgo.

Turismo e gastronomia sono la terza direttrice che segue la nostra Amministrazione: i turisti, soprattutto stranieri, sono alla ricerca dei prodotti gastronomici tipici e Castle Street Food si inserisce pienamente in questa nostra mission e in questo connubio di gastronomia e promozione turistica.

Grazie Sindaco. Mi fa piacere, in conclusione, ricordare una collaborazione virtuosa che Merenda Italiana e Italì hanno allacciato con Trenord, nell’ottica della promozione di un turismo sostenibile: tutti coloro che hanno raggiunto Bellano e la manifestazione di Castle Street Food in treno, esibendo il biglietto di viaggio, hanno potuto godere di una speciale promozione: un ingresso ridotto all’Orrido.

Articoli recenti
L'Associazione Italì ha intervistato Francesco Trivelloni, sindaco di Fontanellato (Parma)